Sicilia en Primeur 2016 – Conferenza Stampa di presentazione, 6 Aprile

Sicilia en Primeur 2016 – Conferenza Stampa di presentazione, 6 Aprile
7 Aprile 2016 Francesco Pensovecchio

SICILIA EN PRIMEUR, L’EMOZIONE IN ANTEPRIMA
Assovini Sicilia presenta la vendemmia 2015
XIII Edizione

Conferenza Stampa di Presentazione, martedì 6 aprile, ore 11.30

 

Una performance brillante e in crescita. Questo, in sintesi, lo stato di salute del vino siciliano in rassegna a Sicilia en Primeur 2016. Itinerante e attento alla scelta di luoghi di particolare suggestione, è un evento che si svolgerà in questa XIII edizione nel lussuoso Rocco Forte Verdura Golf Resort di Sciacca. Vigneti, cantine e i vini della vendemmia 2015 saranno raccontati a 100 giornalisti provenienti da ogni parte del mondo.

Banca Nuova è sensibile all’imprenditoria vitivinicola e anche quest’anno ha voluto rinnovare il sostegno ai produttori di vino siciliani confermando la main-sponsorship di Sicilia en Primeur, dice il presidente di Banca Nuova, Prof. Marino Breganze: “E’ un impegno costante nel fornire alle aziende del settore vitivinicolo assistenza finanziaria di alta qualità, mirata soprattutto al sostegno nei processi di export e internazionalizzazione”.

Assovini Sicilia, cita il presidente Francesco Ferreri, conta oggi 79 soci, i quali con 300 ml. di fatturato rappresentano oltre 85% del vino imbottigliato sull’isola, raggruppando aziende tra loro eterogenee, ma che hanno come unico comune denominatore la produzione e la comunicazione di qualità. Tante le etichette in degustazione, oltre 800 tra gli assaggi con i produttori e sala sommelier; 20 le denominazioni DOC; 34 i vitigni tra autoctoni e internazionali. Una ricchezza che fa impallidire qualsiasi regione vitivinicola del globo e che conferma la Sicilia come un continente vinicolo dalle infinite sfaccettature. Parteciperanno 52 aziende e più di 100 giornalisti provenienti da Austria, Belgio, Brasile, Canada, Cina, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Giappone, Inghilterra, Korea, Lituania, Norvegia, Olanda, Polonia, Russia, Svezia, Svizzera, Usa, oltre – ovviamente – alla stampa italiana, con quotidiani e riviste sia specializzate che generaliste. Gli ospiti arriveranno in Sicilia il 19 Aprile e per i primi tre giorni saranno impegnati nei tour territoriali con la formula dello “Slow Drive”.

Il nuovo logo della manifestazione “Wine Junction” strizza l’occhio alle tante vocazioni, ai caratteri diversi ma unici, alle peculiarità di un territorio incredibilmente estroverso. Chi vorrà potrà interagire tramite i social network e a seguire l’evento e gli 8 enotour. L’hashtag di quest’anno sarà “#SiciliaEP16”.

E’ un successo giovane, afferma Antonello Cracolici, assessore regionale all’agricoltura, l’attenzione va tenuta alta, soprattutto su qualità e innovazione. Tracciabilità, ricerca, concentrazione dell’offerta ed un coordinamento forte tra i produttori sono i punti di forza necessari. La Doc Sicilia dovrà essere sempre di più uno strumento di tutela del brand Sicilia.”

In tale direzione interviene Salvatore Monte, assessore comunale al turismo di Sciacca, la comunicazione e la sinergia tra le aziende del vino e gli enti territoriali sono un’occasione di sviluppo per il territorio.

Rilevante il lavoro compiuto dalle associazioni a sostegno dei coltivatori e dei produttori – prosegue il presidente della DOC Sicilia, Antonio Rallo – l’imbottigliato di tutte del denominazioni di origine dell’isola è aumentato trasmettendo maggiore valore ai prodotti e fatturato alle aziende. L’incremento delle produzioni a denominazioni a origine controllata DOC, che comunque non sembra intaccare la produzione IG a indicazione geografica, segna una performance economico-finanziaria felice che va tutta a sostegno delle aziende, un indizio di maggiore consapevolezza nelle proprie capacità come autori di qualità. I numeri: 16 milioni di bottiglie DOC Sicilia prodotte nel 2013; 20 milioni nel 2014; 24 milioni nel 2015.

Influente il comparto vitivinicolo sulla domanda turistica, sempre più attenta al “brand” Sicilia ed alle sue tante chance. L’offerta turistica – segnala Antony Barbagallo, assessore regionale al turismo – si orienta sempre più verso un turismo esperienziale e funzionale. La Sicilia, piccolo continente di sensazioni ed emozioni, offre infatti al turista un’immersione in itinerari integrati in cui confluiscono cultura, gusto, storia, territorio in un unicum inscindibile.

##

Contenuti extra:
Download della relazione del Prof. Avv. Marino Breganze, Presidente di Banca Nuova


Ufficio Stampa:  Gheusis Srl – tel. 0422 928954 – 334 2413080 – info@gheusis.com
Comunicazione Sicilia: Francesco Pensovecchio – cell. 3386337475 – news@assovinisicilia.it